Archivi categoria: Senza categoria

Lonza all’orientale con riso rosso e zucchine

Piatto unico con profumi d’Oriente, gustoso e colorato.

Ecco come l’ho preparato 😃

Ingredienti per 3 persone

300 gr di lonza di maiale

150 gr di riso rosso integrale

3 zucchine piccole

1 cucchiaio di salsa di soia

1 cucchiaino di senape

la punta di un cucchiaino di curry

Sale e pepe q.b.

6 cucchiai di olio extravergine d’oliva

2 spicchi di aglio

1 cucchiaino di erba cipollina

1 cucchiaio di maizena

150 ml di acqua

Procedimento

In abbondante acqua salata fate cuocere il riso rosso integrale ( impiegherà circa 20/25 minuti).

Nel frattempo mettete in una padella antiaderente 3 cucchiai di olio ed uno spicchio di aglio vestito, fate soffriggere ed aggiungete la lonza tagliata a cubetti.

Soffriggere per qualche minuto e sfumate con la salsa di soia, aggiungete la senape ed il curry e fate cuocere per 5 minuti.

Sciogliete la maizena nell’acqua e versate sulla carne, mescolate bene, salate, pepate e portate a cottura ( se fosse necessario, aggiungete ancora qualche cucchiaio di acqua calda) assicurandovi di avere un fondo di cottura cremoso.

Intanto in un’altra padella versate 2 cucchiai di olio, aggiungete lo spicchio di aglio vestito e fate soffriggere leggermente.

Aggiungete le zucchine tagliate a tocchetti e fate soffriggere, salate, aggiungete l’erba cipollina e portate a cottura.

A questo punto il riso sarà cotto, scolatelo e conditelo con 1 cucchiaio di olio.

Impiattate e… buon appetito!

Torta alla Barbera e cannella

Dal Piemonte con furore!

Ecco la mia nuova torta che esalta uno dei vini della mia regione: la Barbera.

L’ho preparata così 😉.

Ingredienti per una tortiera da 24 cm:

220 gr burro

1/2 cucchiaino di cannella in polvere

220 gr farina 00

1 bustina di lievito in polvere

4 uova medio-grandi

1 pizzico di sale

120 ml vino Barbera

220 gr zucchero

zucchero a velo q.b.

Preparazione:

Dividete i tuorli dagli albumi.

Tagliate il burro a quadretti e, con l’aiuto di un robot, lavoratelo assieme allo zucchero fino a ridurlo in crema.

Aggiungete i tuorli d’uovo uno alla volta e amalgamateli bene unendo anche la polvere di cannella.

Unite la farina mescolata al lievito e setacciata.

In un contenitore a parte, montate a neve ferma gli albumi con il sale ed uniteli delicatamente al composto mescolando dal basso verso l’alto.

Unite il vino e mescolate delicatamente.

Imburrate e infarinate un teglia del diametro di cm 24, versatevi il composto ottenuto, livellatelo con una spatola e infornate in forno già caldo a 160° per circa un’ora (fate la prova con uno stuzzicadenti).

Una volta sfornata lasciate raffreddare bene e spolverizzatela con zucchero a velo.

Nota: può essere servita accompagnandola con una crema alla vaniglia, gelato crema/fior di latte oppure con frutta cotta alla Barbera.

Focaccia

Dopo molti anni dal primo tentativo (ben riuscito, ma migliorabile), ho riprovato a preparare la focaccia tipo quella genovese: ottimo risultato!

Ecco come ho preparato la

Focaccia

Ingredienti per una teglia da 33×27 ( una teglia monouso in alluminio grande)

370 gr di farina 00

200 ml acqua tiepida

5 gr di lievito secco

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino di miele

50 gr di olio extravergine

1 cucchiaio raso di sale (circa 8 gr)

Olio di semi per la teglia q.b.

Per la salamoia

70 ml di acqua calda

40 gr di olio di semi

2 cucchiaini di sale

Procedimento

Fate sciogliere il lievito nell’acqua tiepida insieme allo zucchero ed aspettate che si attivi per 10 minuti.

In un contenitore versate la farina, il sale, il miele e l’olio extravergine, l’acqua col lievito ed impastate fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.

Formate una palla e mettete a riposare per 20 minuti nel forno spento preriscaldato a 30 gradi.

Oliate la teglia e ponete la palla al centro e cospargetela di olio di semi.

Ponete in forno a lievitare per 1 ora circa.

Allargate l’impasto a coprire la teglia formando con le dita i tipici buchi e fate riposare per altri 40 minuti sempre in forno spento.

Preparate la salamoia emulsionando l’acqua calda con il sale e l’olio e cospargete l’impasto trattenendone 2 cucchiai per dopo.

Riponete a lievitare per 1 ora in forno.

Scaldate il forno a 250 gradi ed,una volta caldo, infornate per circa 25 minuti in forno statico ( comunque fino a doratura), capovolgete la focaccia e fate dorare il fondo per altri 10 minuti circa a 180 gradi ( attenzione i tempi possono variare da forno a forno!!!).

Sfornate, mettete la focaccia su di una gratella e spennellate la superficie con la salamoia rimasta.

Servite e … buon appetito!!!

Pan brioche salato con lievito madre

In questo periodo di reclusione forzata gli impasti sono gli antistress che utilizzo di più 😉

Ecco l’ultima creatura

Pan brioche salato con lievito madre.

Ingredienti

300 g di farina 00

400 g di farina Manitoba

150 g di lievito madre già rinfrescato

1 cucchiaino di miele

150 g di uova ( 3 uova medie)

220 g di latte

50 g di olio extravergine di oliva

1 cucchiaio di sale fino

2 cucchiaini di zucchero

Procedimento

In una ciotola capiente versate tutti gli ingredienti secchi tranne il sale.

In un ciotolino, sciogliete il lievito madre ed il miele nel latte tiepido.

Versate il latte nelle farine ed iniziate ad impastare.

Unite le uova leggermente sbattute con il sale e continuate ad impastare.

Quando le uova saranno assorbite, aggiungete l’olio ed impastate fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico.

Lasciate riposare l’impasto nella ciotola per 40 minuti senza coprirlo.

Trascorso il tempo girate l’impasto sulla spianatoia infarinata e date 2 volte le pieghe a libro.

Formate una bella palla e mettete a lievitare coperto con pellicola fino al raddoppio (i tempi varieranno a seconda della temperatura ambiente, ma nel mio caso ci sono volute circa 6 ore).

A quel punto suddividete l’impasto a seconda delle forme desiderate ( panini, plum cake, cornetti, ecc), ponete sulla teglia coperta da carta forno.

Coprite con pellicola e mettete a lievitare a temperatura ambiente per 12 ore.

Spennellate la superficie del vostro pane con poco latte.

Scaldate il forno a 200 gradi, infornate e fate cuocere per circa 20/30 minuti a seconda della pezzatura del vostro pane.

Sfornate e… buon appetito!!!

Cornetti salati con lievito madre

In questi giorni in cui si è costretti a casa, uno dei miei piaceri più grandi è mettere le mani in pasta 😉.

Il mio amico lievito madre vive con me da alcuni anni, ma non sempre riesco a coccolarlo come si dovrebbe… ora riesco (aimè) a dargli le attenzione che richiede e così mi regala delle belle lievitazioni.

Ecco come ho creato i miei

Cornetti salati con lievito madre

Ingredienti per 16 cornetti

300 gr farina Manitoba

200 gr farina 00

100 gr lievito madre appena rinfrescato

170 ml latte

120 ml acqua di bottiglia

1 cucchiaino di zucchero

2 cucchiaini rasi di sale

50 ml di olio di semi (io ho usato quello di mais)

Burro q.b. per spennellare (circa 30 gr)

Procedimento

Nel recipiente della planetario (se non l’avete procedete mettendo tutto in una capiente ciotola e, poi, impasterete a mano sulla spianatoia), ho sciolto il lievito madre e lo zucchero nel latte tiepido, ho aggiunto le farine mescolate tra loro e l’acqua tiepida ed ho avviato la macchina utilizzando il gancio a filo.

Ho aggiunto il sale e l’olio ed ho impastato fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.

Ho formato una palla, ho messo in una ciotola e, dopo aver coperto con pellicola, ho messo a lievitare fino al raddoppio in forno spento, ma preriscaldato a 30 gradi per 10 minuti ( il mio impasto ha impiegato circa 3 ore a raddoppiare).

Una volta lievitato, ho diviso l’impasto in 3 parti da 350 gr circa l’una.

Ho tirato con il matterello formando 3 cerchi uguali.

Ho spennellato la superficie del primo cerchio con il burro fuso, ho sovrapposto il secondo, ho imburrato anche questo cerchio ed ho sovrapposto il terzo cerchio.

Ho spianato con il matterello fino a raggiungere uno spessore di circa 1 centimetro.

A questo punto, con la rotella per pizza, ho suddiviso in 16 spicchi, fatto un piccolo taglietto sulla base di ogni spicchio.

Ho arrotolato dando la forma di un cornetto e messo a lievitare appoggiando su una teglia ricoperta da carta forno.

Ho fatto lievitare nuovamente fino al raddoppio (circa 3 ore) sempre in forno spento preriscaldato a 30 gradi coperti con pellicola trasparente.

Una volta lievitati i cornetti li ho spennellati con il burro fuso rimastomi ed ho cosparso alcuni dei cornetti con semi di sesamo, ho infornato per circa 20 minuti a 190 gradi e per 5 minuti a 180.

Ho sfornato e fatto freddare su di una gratella.

Ora anche voi potete dare sfogo alla vostra creatività mettendo le mani in pasta e creando morbide e profumate delizie!

Buon appetito!!!

Ziti arrotolati al latte soffritto

Con pochi ingredienti molto semplici si può creare un piatto goloso e veloce da preparare.

Così ho preparato i miei

Ziti arrotolati al latte soffritto

Ingredienti per 2 persone

140 gr di ziti arrotolati

1 carota

1 gambo di sedano

1 scalogno piccolo

1 spicchio di aglio

1 rametto di rosmarino

3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva

150 ml di latte intero

Sale e pepe q.b.

Procedimento

Pulite la carota, il sedano e lo scalogno e tritateli finemente con il frullatore.

In una padella mettete l’olio e lo spicchio di aglio e fate imbiondire l’aglio, aggiungete le verdure frullate ed il rosmarino e fate soffriggere per 5 minuti a fuoco basso.

Aggiungete il latte e lasciate cuocere per 10 minuti a fuoco basso.

Salate e pepate e togliete dal fuoco.

Nel frattempo fate cuocere, in abbondante acqua salata, la pasta.

Scolatela e ripassatela in padella con il condimento preparato in precedenza.

Impiattate e…

Buon appetito!!!

Cartoccio di Salmone marinato alla soia e quattro pepi

Avete poco tempo, ma vorreste un piatto un po’ particolare?

Eccovi la ricetta per un secondo piatto veloce e gustoso.

Il mio

Cartoccio di Salmone marinato alla soia e quattro pepi

lo preparo così 😉

Ingredienti per 3 persone

3 tranci di salmone fresco

1 cucchiaio di erba cipollina secca

3 cucchiai di salsa di soia

3 cucchiaini di olio evo

1 cucchiaino dei 4 pepi macinati (bianco, nero, verde e rosa)

Sale q.b.

Procedimento

Disponete ogni trancio su di un foglio di carta forno (grande tanto da poter essere chiuso a cartoccio).

In una ciotola versate l’olio, la salsa di soia, i pepi e l’erba cipollina.

Mescolate mene.

Versate in parti uguali il liquido sui tranci, salate e lasciate riposare per 15 minuti.

Nel frattempo preriscaldate il forno a 230 gradi.

Trascorso il tempo della marinatura, chiudete i cartocci e disponeteli su di una teglia, infornate e lasciate cuocere per 30 minuti.

Sfornate, impiattate e mappate con il fondo di cottura.

E… buon appetito!

Nota: io ho accompagnato il mio salmone con patate alla curcuma e rosmarino.

Un caffè nelle Langhe

In occasione del compleanno di mia sorella, ho creato questa torta che unisce i sapori del mio Piemonte ( la nocciola tonda gentile delle Langhe) con sapori come caffè e cacao andando a creare un buon equilibrio avvolgente.

Vi chiedete come l’ho preparata?

Così 😉

Ingredienti

Per la torta

300 g di nocciole tonde gentili delle Langhe tostate
130 g di burro
200 g di zucchero
100 g di farina
3 uova
un pizzico di sale
una bustina di lievito
Per la crema al mascarpone e caffè
500 gr di mascarpone
500 g di panna frasca da montare
200 gr di zucchero a velo
2 cucchiai di caffè macinato
Per la glassa a specchio al cacao

100 ml acqua

90 ml panna da montare

140 gr zucchero

35 gr cacao amaro in polvere

4 gr colla di pesce

Cacao amaro in polvere q.b. per spolverizzare la torta

Procedimento

Premetto subito che alcune preparazioni hanno bisogno di riposo, quindi, sarà necessario organizzare bene i tempi 😉

Prima di tutto, in un recipiente con coperchio ho unito la panna con il caffè, ho mescolato bene ed ho lasciato in fusione a freddo per 24 ore coperto in frigo.

Nel frattempo, ho preparato la torta di nocciole.

Ho tritato le nocciole finemente e le ho unite agli altri ingredienti secchi (zucchero, farina e lievito) in una ciotola mescolando accuratamente. Ho aggiunto i tuorli leggermente sbattuti, il burro fuso e, per ultimi, gli albumi montati a neve con il pizzico di sale.

Ho amalgamato il composto delicatamente e l’ho versato in una tortiera imburrata ed infarinata (26cm).

Ho in formato in forno preriscaldato a 200° ed ho fatto cuocere per 35 minuti. Ho sfornato e fatto freddare la torta, ho avvolto con la pellicola e lasciato riposare fino al giorno successivo.
Al momento della composizione, ho suddiviso la torta in 2 dischi, ho posizionato il primo disco su un sottotorta ed ho posizionato un anello apribile intorno ad esso.
Ho filtrato la panna con il caffè e l’ho versata in una ciotola insieme al mascarpone, ho aggiunto lo zucchero a velo ed ho frullato fino ad ottenere una bella crema montata.
Ho versato 1/3 della crema sul disco di torta, ho posizionato il secondo disco ed ho versato la seconda parte della crema avendo cura di lisciarla molto bene.
Ho messo a riposare in frigo per 4 ore.
A quel punto, ho rimosso l’anello apribile e con la crema rimasta ho ricoperto il bordo lisciando bene.
Ho riposto in frigo per 1 ora.

Nel frattempo ho preparato la glassa a specchio.

In un pentolino ho setacciato il cacao, ho unito lo zucchero, l’acqua e la panna ed ho mescolato per bene.
Ho fatto cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti, sempre mescolando.
Ho tolto dal fuoco ed ho aggiunto la gelatina ammollata in acqua fredda e strizzata.
Ho amalgamato per bene ed ho fatto intiepidire per 15 minuti prima di utilizzarla.
Ho versato la glassa sulla torta (posizionata su di una gratella) ed immediatamente ho spolverizzato il cacao in modo tale che scendendo dai lati la glassa avrebbe creato l’effetto cracleè sulla superficie.
Ho poggiato la porta sul piatto di portata ed ho lascito riposare in frigo per una notte.
Per il decoro ho creato delle cialdine corallo fatte con caramelle all’orzo messe in forno su carta forno a 200 gradi per circa 5 minuti.
Ora sapete tutti i passaggi per creare anche voi la mia golosa torta ” Un caffè nelle Langhe “.
Non vi resta che impiattare e… buon appetito!

Medaglioni di melanzane ripiene

Piatto semplice, ma gustoso… ottimo caldo, ma anche tiepido… per contorno, ma anche come piatto unico… insomma un piatto perfetto per ogni occasione 😃

Ecco come ho preparato i miei

Medaglioni di melanzane ripiene

Ingredienti

2 melanzane viola lunghe

1 uovo intero

100 grammi di riso già cotto ( io ho usato un risotto avanzato dal giorno prima)

100 gr di prosciutto cotto

10 ml latte

50 gr di pane raffermo

3 cucchiai di pane grattugiato

Olio q.b.

Sale e pepe q.b.

1 spicchio di aglio

1 cucchiaino di erba cipollina secca

30 gr di parmigiano grattugiato

Procedimento

In una ciotola mettete il latte ed il pane tagliato a cubetti e lasciate riposare.

Nel frattempo, lavate le melanzane , asciugatele e tagliatele a fette spesse 3 cm circa.

Con una coppa pasta rotondo, private le fette del centro avendo cura di lasciare almeno 1 cm di bordo.

Disponete le fette di melanzana su di una teglia ricoperta da carta forno e salatele leggermente.

Tagliate a cubetti i centri delle melanzane.

In una padella antiaderente, versate 2 cucchiai di olio ed aggiungete lo spicchio di aglio, fate soffriggere ed aggiungete i cubetti di melanzana. Fate cuocere per 10 minuti girando di tanto in tanto, salate, pepate ed aggiungete l’erba cipollina.

Togliete lo spicchio di aglio e togliete le melanzane dal fuoco.

A questo punto, nella ciotola, dove avete messo il pane con il latte in precedenza, mettete il riso cotto, il parmigiano, l’uovo ed il prosciutto tritato fine.

Mescolate, aggiungete anche le melanzane ed amalgamate bene.

Versate un poco di composto in ogni anello di melanzana fino a riempirlo, spolverate con il pan grattato, versate un filo di oglio ed infornate a 230 gradi in forno preriscaldato per 30 minuti.

Sfornate e… buon appetito!!!

Canederli di zucca e speck in brodo profumato ai porcini

Colori e sapori dell’autunno si uniscono in questo piatto per dar vita ad una gustosa pietanza.

Ecco come li ho preparati 😉.

Ingredienti

Per circa 25 canederli

600 gr di zucca (io ho usato la zucca violina)

1 scalogno

300 gr di pane raffermo

100 ml di latte intero

1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Noce moscata q.b.

Pepe q.b.

Sale q.b.

3 cucchiai di acqua

2 uova intere

2 cucchiai di parmigiano grattugiato

100 gr di farina 00 + q.b. per infarinare

100 gr di speck affumicato a fette

Per il brodo vegetale

1,5 litri di acqua

1 carota

1 cipolla

1 gambo di sedano

5 fette di porcino essiccate

Sale q.b.

Procedimento

Versate in una pentola l’acqua per il brodo, aggiungete le verdure ed i funghi secchi, salate e portate ad ebollizione.

Abbassate il fuoco e lasciate cuocere per circa 1 ora mantenendo la pentola coperta con il coperchio.

Nel frattempo, pulite la zucca e tagliatela a cubetti e tritate lo scalogno.

In una pentola a pressione mettete la zucca, lo scalogno, l’olio extravergine, sale ed acqua. Coperchiare ed al fischio della pentola abbassate il fuoco e fate cuocere per 10 minuti.

A questo punto, riducete a cubetti il pane raffermo, mettetelo in una ciotola capiente ed aggiungete le uova, il latte, il parmigiano, una abbondante grattata di noce moscata, il pepe, il sale e lo speck tagliato a listarelle sottili.

Una volta cotta la zucca, riducetela in crema con una forchetta ed unitela al pane.

Amalgamate il tutto, aggiungete la farina e create un bell’impasto.

Lasciate freddare in frigo per circa 30 minuti e, poi, formate delle piccole palline aiutandovi con le mani leggermente bagnate.

Passate i canederli nella farina.

A questo punto cuoceteli in abbondante acqua salata, scolateli e disponeteli nei piatti, versate il brodo ai funghi porcini (che avrete filtrato il precedenza) e…

Buon appetito!!!

NOTA: potete anche servirli asciutti ripassati in padella con burro e salvia.